Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
23/04/2017 13:45
| Login |


Il principale ostacolo di Trump nelle relazioni USA-Russia è il suo stesso staff

(NA) - Il desiderio del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di costruire buone relazioni con la Russia da fastidio ai membri della sua stessa amministrazione.

giovani impresa imprese economia

Ocse: gli studenti italiani sono ansiosi e insoddisfatti

(NA) - Roma - Meno soddisfatti della media e al tempo stesso più ansiosi. Ma al tempo stesso gli scolari italiani sentono maggiormente la famiglia vicina di quanto mediamente avvenga nei Paesi avanzati.

Turchia, Tkachev: restrizioni a import russo "pugnalata alla schiena"

(NA) - Mosca - L'introduzione da parte della Turchia di limitazioni alle importazioni di prodotti agricoli dalla Russia, fra cui il grano, è una "pugnalata alla schiena".

Emiliano

Pd, respinto ricorso mozione Emiliano in Lombardia e Liguria, ma riammesse parte delle liste

(NA) - Roma - "La Commissione nazionale per il Congresso ha respinto il ricorso presentato dalla Mozione Emiliano in Lombardia e Liguria, con il quale si chiedeva la riammissione di tutte le liste presentate nei collegi.

Alitalia

Alitalia, domani 12mila dipendenti alle urne per referendum

(NA) - Roma - Inizieranno domani mattina le operazioni di voto per il referendum Alitalia. Gli oltre 12mila dipendenti della compagnia saranno chiamati a rispondere con un sì o un no in merito al pre-accordo siglato il 14 aprile scorso tra sindacati e azienda con la mediazione del Governo.

Start up Impresa

StartupCup, via alle candidature per 15esima edizione

(NA) - Milano - Al via le candidature per l'edizione 2017 di Start Cup Lombardia, la Competition organizzata dalle Università e dagli Incubatori Universitari lombardi e promossa da Regione Lombardia, che favorisce la nascita di nuove imprese ad alto potenziale, in ambito ICT & Services, Lifescience & Agrofood, Clean & Industrial Technologies.

ESCLUSIVO/Giancarlo Elia Valori-2

La questione missilistica in Corea del Nord

Giancarlo Elia Valori per AGIELLE - Per la Cina, la relazione con il regime di Pyongyang è ancora più complessa. Pechino è legata alla Corea del Nord dal Trattato di Mutuo Sostegno e Amicizia sino-coreana del 1961; e la Cina importa e esporta circa i tre quarti della produzione di Pyongyang.

Studio, 60 grammi cioccolato alla settimana riducono rischio cardiovascolare

(NA) - Milano -Un nuovo studio dell'Osservatorio nutrizionale Grana Padano ha evidenziato che chi consuma 60 grammi di cioccolato fondente al 70% a settimana riscontra una minore incidenza di ipertensione, ipercolesterolemia e rischi cardiovascolari rispetto alla media degli italiani.

ESCLUSIVO/Giancarlo Elia Valori- 1

La questione missilistica in Corea del Nord

Giancarlo Elia Valori per AGIELLE - La Corea del Nord ha celebrato, il 15 Aprile scorso, il 105° anniversario della nascita di Kim-Il-Sung, "eterno leader" e fondatore della nuova repubblica della Corea settentrionale.

Biotestamento, Camera: ok norma contro accanimento terapeutico

(NA) - Roma - Montecitorio ha approvato un articolo della legge sul biotestamento che esclude l'accanimento terapuetico per i malati terminali. La norma è frutto di un lavoro parlamentare che ha cercato un compromesso tra le varie sensibilità politiche presenti in Parlamento ed è stata approvata con il voto a favore del relatore di minoranza e di Forza Italia ma con l'astensione del Pd.

Banche, Unimpresa: boom sofferenze a 203 miliardi, in un anno +3,6%

sabato 15 aprile 2017 14:42

(NA) - Roma - Il motore del credito resta inceppato: negli ultimi 12 mesi le sofferenze delle banche sono arrivate a quota 203 miliardi e i prestiti alle aziende sono crollati di 12 miliardi. Da febbraio 2016 a febbraio 2017 i crediti deteriorati sono saliti di 7 miliardi in aumento di oltre il 6%, mentre i finanziamenti alle imprese sono diminuiti da 791 miliardi a 779 miliardi (-1,52%). In aumento, invece, gli impieghi alle famiglie, spinti dal credito al consumo e dai mutui, saliti di oltre 8 miliardi (+1,35%). In calo le sofferenze nette scese a 77 miliardi in diminuzione di 5,5 miliardi (-6,74%). Questi i risultati principali del rapporto mensile sul credito realizzato dal Centro studi di Unimpresa, secondo il quale il totale dei prestiti al settore privato è passato dai 1.409 miliardi di febbraio 2016 ai 1.405 miliardi di febbraio 2017, con un calo complessivo di quasi 4 miliardi (-0,26%). "Lo Stato salva le banche, con un fondo da 20 miliardi che peraltro potrebbe non bastare, ma non ci sono certezze sulla riapertura dei rubinetti dei finanziamenti: nessuno è in grado di assicurare che ripartiranno" commenta il vicepresidente di Unimpresa, Claudio Pucci. "Da quasi 10 anni le aziende italiane, specie quelle più piccole, fanno i conti con un credit crunch violentissimo, che mette in ginocchio l'economia: i prestiti alle imprese diminuiscono al ritmo di 1 miliardo al mese" aggiunge Pucci. Secondo l'associazione, che ha rielaborato i dati della Banca d'Italia, il totale delle sofferenze lorde è passato dai 196 miliardi di febbraio 2013 ai 203 miliardi di febbraio 2017, con un incremento di 7 miliardi (+3,60%). Sono salite di 6,2 miliardi (+4,51%) le rate non rimborsate dalle aziende passate da 138,8 miliardi a 145,1 miliardi; in aumento di 218 milioni (+0,59%) i finanziamenti non restituiti dalle famiglie passati da 37,2 miliardi a 37,4 miliardi; sono salite, poi, anche le sofferenze delle imprese familiari di 301 milioni (+1,92%) da 15,6 miliardi a 15,9 miliardi. Anche le "altre" sofferenze (quelle di onlus, pubblica amministrazione, fondi) hanno registrato un aumento, passando da 4,2 a 4,4 miliardi con un incremento di 272 milioni (+1,92%). Il rapporto tra sofferenze lorde e prestiti totali ai privati è passato dal 13,91% al 14,45%. Le sofferenze nette (quelle per le quali non ci sono garanzie reali) sono invece calate di 5,5 miliardi (-6,74%) da 82,5 miliardi a 77 miliardi; il rapporto tra sofferenze nette e prestiti totali ai privati è passato dal 5,86% al 5,48%. Quanto ai prestiti, lo stock degli impieghi al settore privato è passato dai 1.409 miliardi di febbraio 2016 ai 1-405,2 miliardi di febbraio 2017, con una diminuzione di 3,7 miliardi (-0,26%). Sul fronte delle aziende, si registrano decrementi sui finanziamenti di quasi tutti i tipi di durata. Sono calati i prestiti alle imprese con scadenza fino a 1 anno (breve periodo) di 12,5 miliardi (-4,49%) da 279.4 miliardi a 266.9 miliardi e sono calati anche quelli oltre 5 anni (lunga durata) di 8,9 miliardi (-2,48%) da 361,8 miliardi a 352,9 miliardi; in aumento, invece, i finanziamenti con scadenza fino a 5 anni (medio periodo) di 9,4 miliardi (+6,32%) da 150 miliardi a 159,5 miliardi. In totale, il credito alle imprese è passato da 791,4 miliardi a 779,3 miliardi, in discesa di 12 miliardi (-1,52%). In netta ripresa, invece, i finanziamenti alle famiglie, spinti dal credito al consumo (i prestiti erogati per comprare soprattutto automobili, elettrodomestici, computer e smartphone) salito di 6,9 miliardi (+8,56%)da 81,5 miliardi a 88,5 miliardi. Ripartono anche i mutui per l'acquisto di abitazioni, aumentati di 5,5 miliardi (+1,34%) da 414,5 miliardi a 420,1 miliardi; in controtendenza, i prestiti personali calati di 4,2 miliardi (-3,47%) da 121,4 miliardi a 117,2 miliardi. In totale i prestiti alle famiglie sono saliti di 8,3 miliardi (+1,35%) passando da 617,6 miliardi a 625,9 miliardi. "Tra gli addetti ai lavori - osserva ancora il vicepresidente di Unimpresa - si fa strada la convinzione che la crisi delle banche sia figlia della bufera finanziaria e della recessione economica, che l'attuale situazione di difficoltà degli istituti, alle prese con requisiti patrimoniali particolarmente severi, sia legata alla ottusità dei regolatori, italiani ed europei. Non c'è dubbio che la stretta normativa stia giocando un ruolo cruciale nel limitare la circolazione della liquidità nell'economia reale. Tuttavia, prima o poi bisognerà fare la necessaria chiarezza sui responsabili dei dissesti bancari italiani e bisognerà chiedere conto a chi, fino a poco tempo fa, tratteggiava una situazione di assoluta tranquillità, per gli istituti italiani, raccontando fatti che sono stati clamorosamente smentiti". (NA)


Project by:  Partner:   LogoDesign: